Associazione Nuovamente    via Borgo San Pietro 52   40126 Bologna    Tel. 051 6493767   Fax 051 6494167  
 
IL NOSTRO PERCORSO

Di seguito sono riportati i progetti, gli eventi, i seminari, i convegni, le pubblicazioni e le attività che abbiamo realizzato dalla nascita dell’Associazione Nuovamente ad oggi, suddivisi per aree tematiche. Naturalmente, molte delle attività sono integrate, riguardano più di un tema e coinvolgono differenti persone ed istituzioni. La suddivisione è strutturata sulla base dei destinatari principali, ma la formazione, il confronto e la crescita che sono derivate dalle attività riguardano la comunità intera. Le attività svolte, la storia, le pubblicazioni e il materiale di approfondimento dei progetti sono reperibili sul sito web www.nuovamente. org dove si possono esprimere pareri e lasciare contributi sui temi trattati.

Adolescenti e giovani

  • Fuori da soli… Dove?: un'indagine svolta con 600 adolescenti, di età compresa tra i 14 e i 16 anni, che ha prodotto uno spazio di ascolto per comprendere il loro mondo e i loro pensieri. L’indagine è stata centrata sulla rilevazione e l’analisi dei comportamenti, delle esigenze e delle aspettative degli adolescenti in relazione alla gestione del loro tempo libero.
  • Progetta il tuo spazio: percorso che si è articolato in quattro edizioni, su differenti temi, che ha coinvolto più di cinquemila studenti delle scuole superiori di Bologna e provincia nell’ideare i luoghi per la propria socialità, progettandoli in prima persona con l'ausilio di testi, immagini e video, tenendo conto di requisiti di bioarchitettura e dell’integrazione socio-culturale fra le generazioni. Nell’ambito dei progetti sono state organizzate mostre e prodotte tre pubblicazioni distribuite agli studenti delle scuole medie superiori. In questo percorso sono inoltre nati otto Centri per i giovani:

A Bologna:

  • Centro “Progetta il tuo Spazio” Crescenzi-Pacinotti
  • Centro “Progetta il tuo Spazio” di Via dello Scalo 21/3
  • Centro “Progetta il tuo Spazio” e polo multimediale con sale prova, studio di registrazione e attrezzature per produzioni di audiovisivi di Via Pier de’ Crescenzi 14

in provincia, sull’Appennino:

  • Centro “Progetta il tuo Spazio” Montessori a Porretta
  • Due Centri “Progetta il tuo Spazio” a Marzabotto

e in pianura:

  • Centro “Progetta il tuo Spazio” ISIS Archimede a San Giovanni in Persiceto
  • Centro “Progetta il tuo Spazio” Auditorium a Budrio.

Tutti i centri sono stati gestiti da comitati composti da rappresentanti di Nuovamente, da delegati delle scuole e/o degli enti locali e da giovani indicati dalle aree geografiche interessate.

  • Il tuo territorio, il tuo Appennino: ha coinvolto gli studenti delle scuole di Bologna e provincia a cui è stato chiesto di testimoniare il territorio in cui vivono, con particolare attenzione all'Appennino bolognese, attraverso video di breve durata, nel genere della fiction, del videoclip o del documentario. Il progetto ha coinvolto, con uno specifico percorso formativo, anche l’Istituto penale minorile di Bologna e tutti i giovani reclusi. Sono stati prodotti 156 audiovisivi, i migliori dei quali sono stati riportati in una videocassetta distribuita in tutte le scuole e agli Enti Locali. All’edizione di Expo BolognAppennino, vetrina della cultura, degli odori e dei sapori delle colline e delle montagne bolognesi, si è svolto un confronto sugli audiovisivi prodotti con Nuovamente con la partecipazione di 500 studenti e dei loro docenti in rappresentanza delle scuole medie superiori.
  • Progetto Cittadinanza attiva/Energie alternative: ha visto la partecipazione di duemila studenti. Anche in questo progetto è stato coinvolto l’Istituto penale minorile di Bologna e tutti i giovani in esso reclusi. Gli elaborati prodotti sui temi dell’esclusione, della cittadinanza - nei suoi aspetti universale, europeo e italiano -  e sulle fonti rinnovabili di energia, sono stati raccolti in una pubblicazione. I migliori elaborati sono stati presentati pubblicamente nel Comune di Bologna, trasmessi dalle reti televisive 7Gold, Nuova Rete e Rete Otto e riportati nel sito www.nuovamente.org.
  • La produzione del filmato Prosementi: tre prodotti della terra, sulla storia della “Società Produttori Sementi” di Bologna e sulle coltivazioni alternative, in tutte le fasi, a partire dalla sceneggiatura, gli studenti. I ragazzi hanno tenuto anche un“diario di bordo” con tecnica cinematografica che ha testimoniato il carattere formativo dell’esperienza.
  • Spazio al futuro, che ha portato ad identificare e censire 250 spazi pubblici e privati abbandonati a Bologna e nella provincia. Si è costituito un coordinamento di cento associazioni per pianificare ipotesi di assegnazione di contenitori industriali dismessi a gruppi di giovani per la loro riqualificazione, finalizzata alla produzione nel campo della cultura, delle nuove tecnologie, dell'artigianato e del no profit.
  • C'entro anch'io: a scuola con Piazza Grande, iniziativa promossa con il Forum metropolitano delle associazioni dei cittadini non comunitari di Bologna e provincia, che ha promosso la partecipazione attiva dei giovani con i soci dell'associazione “Amici di Piazza Grande” all'ideazione, progettazione e realizzazione di percorsi di formazione e di comunicazione. È stato prodotto uno storyboard da parte degli studenti insieme ai “senza fissa dimora”.
  • Laboratori di teatro per Ragazzi, aperti dalle scuole materne fino alle medie superiori, con "Belleville", associazione che sviluppa prevalentemente ricerche, stage e spettacoli nell'arte dell'improvvisazione teatrale.
  • Corsi di formazione e incontri per tirocinanti dell'università, in particolare modo delle facoltà di Scienze Antropologiche, Scienze della Comunicazione, Lingue e Storia; con approfondimenti relativi alle tematiche giovanili, a partire dalle condizioni di difficoltà nell'inserimento nel mondo del lavoro.
  • “Seminari audiovisivi", corsi di formazione per la produzione di audiovisivi ed uso della videocamera rivolti ai giovani, con particolare attenzione alla preparazione degli storyboard, ed alla gestione comunicativa dei temi trattati.
  • Stage su Carcere e inclusione socio-lavorativa dei detenuti con studenti del liceo scientifico Sabin di Bologna. Allo stage hanno partecipato sia persone che beneficiano di misure alternative alla detenzione in carcere che reclusi. Gli studenti sono entrati nel carcere di Bologna,confrontandosi con i detenuti - che frequentano la scuola media superiore interna alla Casa Circondariale - su temi relativi la “pena”, la violenza, la legalità e i percorsi di reinserimento nella società.
  • Con la Comunità della missione di Don Bosco, si sono realizzati incontri di educazione e formazione, in cui è stata utilizzata la metodologia educativa, secondo la quale i giovani esprimono al meglio generosità, disponibilità e onestà con il sistema dei giochi partecipati. Sono state offerte opportunità di socializzazione in un contesto educativo integrato alla formazione scolastica curricolare, con particolare attenzione alle  condizioni di disagio giovanile.
  • Comunità, cittadinanza, integrazione e comunicazione. Per i giovani dai giovani: percorso rivolto agli studenti delle scuole medie superiori di Bologna che ha portato alla raccolta di più di 10018 contributi  compilati dai ragazzi sui concetti di cittadinanza, integrazione e comunità, sulle dimensioni sociali e affettive, le relazioni con gli amici e i rapporti familiari. L’obiettivo della ricerca è stato anche quello di creare una banca dati di informazioni sulle idee e la vita dei giovani e la realizzazione da parte dei ragazzi di elaborati sui temi del progetto attraverso un racconto, un video, uno storyboard con foto o disegni. La ricerca e i lavori migliori sono stati raccolti in una pubblicazione curata dai ragazzi stessi.
  • Percorsi di danze e canti con Katun: gruppo di adolescenti tra i 14 e i 18 anni di differenti provenienze residenti al Pilastro.
  • "Chiavi d'ascolto", scuola di musica  aperta alle persone di qualsiasi età che intendevano iniziare o riprendere gli studi musicali con cui si è curato, in particolar modo, nello sviluppo di percorsi nel campo dell'esercizio del canto corale, l'apprendimento delle prime nozioni di impostazione vocale e la conoscenza della grammatica musicale.
  • Con  sei classi dell'indirizzo sociale, del liceo Scientifico Statale “A.B. Sabin", è stato realizzato uno stage sulle attività dei Quartieri e del Comune, finalizzato alla conoscenza delle istituzioni territoriali e delle funzioni di intervento sociale di loro competenza. Sono stati tenuti incontri con associazioni e cooperative che operano sulle fasce più deboli della popolazione.
  • Per un atlante della memoria territoriale di Bologna, che ha coinvolto studenti liceali e universitari  in una ricerca antropologica realizzata attraverso 200 interviste alle cittadine e ai cittadini in ogni luogo importante per l’identità storica e culturale di Bologna. I luoghi prescelti sono stati: la stazione ferroviaria, le tombe dei glossatori, la sinagoga, il muro di Via Mascarella, i giardini Francesco Lorusso, Via del Pratello e Porta Lame. È stata realizzata e distribuita una dispensa con la raccolta e l’analisi storica e antropologica delle interviste e dei luoghi. La presentazione della dispensa è avvenuta in occasione di un percorso sotterraneo di Bologna lungo il torrente Aposa accompagnato da musica e teatro, pensato insieme all'associazione “Società per Azioni”.
  • Con "Cantiere 21", sono state proposte iniziative volte alla sensibilizzazione e integrazione degli universitari a Bologna; si sono aperti sportelli informativi per favorirne l'inserimento nel tessuto urbano e per conoscere meglio le loro problematiche sociali ed economiche.
  • Luoghi simbolici, percezione, immaginario collettivo del ’77: percorso che ha costituito la naturale prosecuzione di Per un atlante della memoria territoriale di Bologna, realizzato da studenti del Liceo scientifico Sabin dell’indirizzo sociale attraverso centinaia di  interviste nei luoghi più significativi del ’77 bolognese. Anche in questo progetto si è prodotta e distribuita prima una dispensa e poi un libro.
  • Con “Scuola e Costituzione”  si sono svolti appuntamenti finalizzati alla promozione nelle scuole medie superiori di corsi con docenti universitari di formazione e sensibilizzazione ai principi costituzionali. Tali appuntamenti hanno avuto l’obiettivo più generale di costruire attenzione e partecipazione della cittadinanza nei confronti della nostra fondamentale carta di unità nazionale.
  • Le Parole dei Luoghi, che ha visto impegnati studenti delle scuole medie superiori e tirocinanti universitari, coordinati da docenti, in un percorso di ricerca sul settantasette e sui luoghi, la storia e i contenuti del movimento bolognese. Ha portato alla produzione della pubblicazione Le Parole dei Luoghi. Bologna ’77.
  • Il “Porto della Resistenza”, dell'interculturalità e della memoria, realizzato in collaborazione con i Centri “Progetta il tuo Spazio” di Bologna, ha visto gli studenti delle scuole medie superiori coinvolti in un’indagine e nella raccolta di interviste sul rapporto tra la Resistenza e la nascita della Costituzione Italiana. Alla fine del percorso è stata prodotta una dispensa distribuita nelle scuole e negli enti pubblici.
  • Disagio Giovanile: per i giovani, dai giovani, realizzato in collaborazione con 10 scuole medie superiori di Bologna e Provincia, percorso che ha ottenuto, tra proposte e considerazioni, 1806 contributi. I temi trattati riguardavano le problematiche attuali legate all’età adolescenziale (dall'anoressia alla bulimia, fino al bullismo e alle attività delle bande giovanili). Gli studenti partecipanti hanno espresso che cosa significa per loro ‘disagio’, contribuendo alla preparazione di una campagna comunicativa  attraverso la realizzazione di elaborati, video, disegni, ecc.
  • Al progetto, Disagio Giovanile: per i giovani, dai giovani, hanno partecipato le scuole medie superiori dell’Appennino: Istituto Tecnico Agrario “Arrigo Serpieri” di Loiano, I.I.S. “Luigi Fantini” di Vergato, I.S.I. “Caduti della Direttissima”; della Pianura: I.P.I.A. “Marcello Malpighi” di Crevalcore, I.S.I.S. “Archimede” di San Giovanni in Persiceto,; della città di Bologna: Polo Artistico “Francesco Arcangeli”, I.T.I.S. “Odone Belluzzi”, l.T.C.S. “Rosa Luxemburg”, Liceo Scientifico Statale “A. B. Sabin”; di Imola: I.P.A.A. “Luca Ghini” .
  • Con il "Coordinamento genitori/insegnanti", si sono tenuti incontri dedicati alla difesa della scuola pubblica, con particolare attenzione alle scuole materne ed elementari, con approfondimenti nel campo della formazione nei primi anni scolastici e nella comunicazione tra genitori e insegnanti.

Carcere e disagio sociale

  • Forum Dei diritti e delle pene, con il quale abbiamo concretizzato un tragitto che ha contribuito all’introduzione a Bologna, della figura istituzionale del “Garante per i diritti delle persone private della libertà personale”.
  • Presentazione e gestione del rapporto Amnistia, indulto, diritti dei detenuti. Inchiesta sulle carceri italiane, con gli interventi dei membri del forum Dei diritti e delle pene e dell’Associazione Antigone.
  • Promozione del progetto Avvocato di Strada, realizzato a Bologna con l’Associazione “Amici di Piazza Grande”, successivamente diffusosi su tutto il territorio nazionale, volto a rafforzare i diritti dei “senza fissa dimora” e dei più deboli,con assistenza legale gratuita.
  • Progetto di cooperazione transnazionale Daidalos. Nell’ambito del progetto è stato realizzato il convegno “L’inclusione socio lavorativa dei detenuti” presso il Centro multimediale Progetta il tuo Spazio di Via Pier Crescenzi, con operatori spagnoli, francesi, polacchi e slovacchi coordinatori di progetti Equal europei.
  • Equal-Pegaso, per la costruzione e la diffusione di processi plurali di rete mirati all’inclusione sociale dei detenuti attraverso il lavoro e la creazione d’impresa. È stata creata una rete operativa e informativa destinata al reinserimento sociale e lavorativo dei cittadini sottoposti ad esecuzione penale. Equal-Pegaso e Daidalos sono stati svolti con “Téchne” di Forlì-Cesena, “Cefal Bologna”, “Enaip” di Ferrara e dell’Emilia Romagna, la Provincia di Forlì-Cesena, i Comuni di Bologna e Ferrara, il Dipartimento di Discipline della Comunicazione dell'Università di Bologna. Nuovamente ha gestito l’Agenzia di comunicazione sociale del progetto, il cui obiettivo è stato quello di dare visibilità comunicativa alle iniziative e alle esperienze di inclusione e recupero dei detenuti e più in generale alle tematiche del mondo del carcere e dei diritti
  • Creazione e gestione del website equalpegaso.net, realizzato con il Dipartimento di Discipline della Comunicazione dell’Università di Bologna, nel quale il P.R.A.P. – Provveditorato Regionale dell'Amministrazione Penitenziaria dell'Emilia Romagnaha attivato un’area che ha offerto la possibilità di avere informazioni sugli Istituti di esecuzione penale del territorio dell'Emilia Romagna e le proposte formative al loro interno.
  • Il meccanico a due ruote, realizzato con l’Associazione “Amici di Piazza Grande” ed “Enaip Emilia Romagna”, per il reinserimento professionale di soggetti a rischio attraverso la creazione di imprese artigianali.
  • Sos bici, pronto soccorso biciclette, messa a disposizione dell'officina “Bicicentro”, per riparare gratuitamente la bicicletta di tutti coloro che ne avessero avuto bisogno dopo averne fatto richiesta in Piazza Nettuno e ai Giardini Margherita.
  • Sono state svolte quattro lezioni con i reclusi all'interno del carcere “Dozza” di Bologna su L’inviolabilità della persona, promosse nell’ambito della scuola secondaria superiore, per favorire la consapevolezza dello status di cittadino di ogni carcerato, anche se privato della libertà personale. Le lezioni sono state incentarte su due temi: il garante dei diritti dei detenuti e l’Agenzia di comunicazione sociale Equal-Pegaso. Il quadro di riferimento è stato il progetto Sirio, avviato dal Ministero della Pubblica istruzione.
  • Strade, sostenuto dalla Regione Emilia Romagna. Ha portato alla creazione di una banca dati pubblica e accessibile sui siti equalpegaso.nete nuovamente.org. Sono stati raccolti 120 progetti riguardanti la formazione e il reinserimento nel mondo del lavoro per detenuti ed ex-detenuti, realizzati in Italia. Il progetto si è fondato sul confronto e lo scambio libero di esperienze, idee, documenti. È stato realizzato un DVD, “Misure Alternative”, distribuito in tutte le carceri dell’Emilia Romagna e alle direzioni degli Istituti penali in Italia. Il DVD, usufruibile direttamente da detenuti ed ex detenuti, contiene un documentario sul rapporto tra il mondo del lavoro e chi si prepara ad uscire o è già uscito dalla reclusione. Contiene inoltre una parte informativa (sui nuovi profili professionali, le modalità di richiesta di lavoro, le sedi dei servizi al lavoro, ecc), una parte formativa (come si scrive un curriculum, simulazioni di colloqui di lavoro, ecc) tradotta in inglese, arabo e romeno e un elenco aggiornato delle strutture che operano nel settore dell’istruzione e della formazione professionale per adulti dei territori coinvolti.
  • Convegno Il carcere fa male. Salute e pena, insieme all’associazione “A Buon Diritto”, con la presentazione di una ricerca sull’assistenza psichiatrica nel carcere di Bologna.
  • Workshop “Comunicare il carcere”, con il Dipartimento di Discipline della Comunicazione dell’Università di Bologna, focalizzato sui nuovi criteri di informazione sui temi del carcere e della giustizia penale.

Ambiente

  • Forum sul verde pubblico e la partecipazione, che ha coinvolto 100 associazioni che, da più di 15 anni, hanno e stanno curando oltre un milione di metri quadrati di verde a Bologna.

 

  • Convegno Progettazione, cura, gestione e tutela del verde urbano. Verso uno statuto dei luoghi, nel quale è stato presentato il progetto partecipato di riqualificazione del parco Agucchi-Bertalia nel Quartiere Navile. Ha coinvolto 1200 cittadine e cittadini che hanno esposto le loro idee, suggerimenti e proposte.
  • Con l'associazione "Viva Vita", ci si è occupati di tecniche per il mantenimento del benessere, di tecniche di rilassamento e di psicodramma analitico. Tecniche psico-corporee per la gestione dello stress con corsi di crescita personale, di orientamento ed introduzione alle professioni "di aiuto".
  • Sull’uso della bicicletta, - in collaborazione con “Legambiente Emilia Romagna”, Associazione “Piazza Grande”, “Enaip Emilia Romagna” - per la promozione della bicicletta come mezzo di mobilità alternativa ed ecocompatibile. Nell’ambito del progetto sono state censite le piste ciclabili nel Comune e nella Provincia di Bologna e creati parcheggi specificamente destinati alle biciclette.
  • Co-partecipazione alla promozione del convegno “La città sostenibile” per una mobilità ciclopedonale.

Laicità, lavoro e cittadinanza attiva

  • Il Palazzo di vetro, riforma dell'ordinamento degli enti locali che ha trattato delle innovazioni legislative degli ultimi quindici anni sul tema delle Autonomie locali, con particolare attenzione ai temi della trasparenza nelle procedure pubbliche e dell'effettiva partecipazione dei cittadini alla vita delle amministrazioni.
  • Progetto WORK-LAB Bologna, Casa dei produttori autonomi (CPA). Tra nuova economia e lavoratori della conoscenza, promozione dell’aggregazione dei soggetti dei nuovi lavori per una maggiore tutela e valorizzazione sul mercato professionale.
  • Convegno Nuovi lavori, nuovi diritti – Uno Statuto per i lavoratori atipici promosso con CGIL, CISL e UIL.
  • Co-promozione del Forum nazionale Carta di Bologna: Cultura e Lavoro, a favore di progetti culturali inerenti la  Comunicazione e i nuovi lavori.
  • Collaborazione con "Teatri mutevoli", che ha vinto il festival delle Arti edizione 2009. Si è operato dal pop al gospel, dal rock al country, dal tango all’operetta, con percorsi teatrali che hanno mescolato tutti i generi e gli stili, con uno sguardo tragicomico sulle situazioni tipiche della vita.
  • Realizzazione con "Società civile" di incontri per sviluppare forme di democrazia diretta e lo studio degli istituti di partecipazione popolare del Comune e dei Quartieri, con attenzione alla sensibilizzazione della cittadinanza attiva, con la trattazione della specificità dell'essere cittadini italiani, comunitari e universali.
  • Scuola di etica laica per l’azione civileI lumi della ragione”, seminari sui fondamenti etici del vivere collettivo: tolleranza e pluralismo, discussioni di filosofia, di bioetica e di scienza, di economia, di liberalismo e di socialismo, di ambientalismo, delle connotazioni psicologiche dell’etica, della responsabilità sociale dell’impresa e dell’individuo. Incontri e seminari:
  • L'onestà e il retto conversar cittadino – Laicità e coscienza morale, con Luigi Lombardi Vallauri (Filosofo, Università di Firenze), Carlo Augusto Viano (Filosofo, Università di Torino), Franco Bacchelli (Storico della filosofia, Università di Bologna)
  • Il governo della vita, embrioni, brevetti, clonazione, con Anna Rollier (Università di Milano), Valerio Pocar (Giurista, Presidente della Consulta di bioetica) e Carlo Flamigni (Università di Bologna)
  • L'eredità di Galileo, metodo scientifico vs. dogma, con Anna Garbesi (Ricercatrice CNA), Luigi Garlaschelli (Docente di chimica organica, Università di Pavia) e Bruno Giorgini (Docente di fisica, Università di Bologna)
  • Etica e Finanza, con Riccardo Milano (Dirigente di Banca Etica), Luciano Sita (Presidente di Granarolo), Giuseppina Gualtieri (Fondazione Nomisma), Davide Conti (Università di Modena e Reggio Emilia)
  • Etica, democrazia e libertà dell'individuo nella tradizione liberale, con Giancarlo Bosetti (Direttore di “Reset”), Carlo Galli (Docente di Storia delle dottrine politiche all'Università di Bologna), Elio Veltri (Giornalista)
  • L'etica nella tradizione socialista e comunista, con Rossana Rossanda (Giornalista, fondatrice de “il manifesto”), Emanuele Macaluso (Senatore DS), Alberto Burgio (Storico della filosofia, Università di Bologna)
  • L'etica, l'arte e l'impegno civile, con Niva Lorenzini (Facoltà di Lettere e Filosofia, Università di Bologna), Moni Ovadia (Attore e regista), Edoardo Sanguineti (Poeta, critico letterario, Facoltà di Lettere e Filosofia dell'Università di Genova), Gianni Scalia (Direttore della rivista ‘‘In forma di parole”)
  • L'antropologia morale degli italiani: il carattere nazionale dalla Resistenza a Berlusconi, con Claudio Pavone (Storico, Direttore di ‘‘Parole Chiave”), Lidia Ravera (Scrittrice e giornalista), Niccolò Addario (Sociologo, Università di Modena e Reggio Emilia)
  • Etica, diritto, economia: il caso Parmalat e non solo, con Guido Rossi, Giuseppina Gualtieri (Fondazione Nomisma) e Davide Conti (Università di Modena e Reggio Emilia)
  • Spazio pubblico e segno religioso. Laicità della scuola e simboli religiosi: il dibattito in Italia e in Francia, con Roberta Carlini (“il manifesto”), Giovanni Cimbalo (Facoltà di Giurisprudenza, Università di Bologna), Milly Virgilio (Facoltà di Giurisprudenza, Università di Bologna), Francis Messner (CNRS – Université de Strasbourg)
  • Spazio pubblico e segno religioso. Coscienza, corpo, appartenenza: autodeterminazione della donna e identità collettiva, con Andrea Boraschi (Associazione “A buon diritto”) e Michela Fusaschi (Università di Roma III), Dipartimento di Scienze della Comunicazione dell'Università di Bologna, Giancarla Codrignani (Comitato bolognese Scuola e Costituzione).
  • Convegno Democrazia e cultura del discorso pubblico: la proposta dei sondaggi deliberativi di James Fishkin, nuova forma di consultazione dell'opinione pubblica basata sull'informazione e la discussione oltre ai tradizionali rilevamenti statistici.
  • Incontro Libertà e politica nell'informazione. La televisione è una sfida per la democrazia, con la presentazione del volume di Gianni Cuperlo Par condicio? Storia e futuro della politica in televisione.
  • Promozione e sostegno alla campagna Cin Cin, un appello per la sensibilizzazione, la responsabilizzazione di tutti i cittadini e la costruzione di percorsi condivisi, in alternativa a soluzioni di carattere proibizionista al problema del degrado. Promozione del manifesto Una città del desiderio o una città del quieto vivere? Con un'idea di città aperta e plurale, viva ventiquattro ore al giorno. Il manifesto Cin cin è stato sottoscritto da più di 27.000 persone in due mesi.
  • Adesione e sostegno alla Legge di iniziativa popolare per una scuola laica e pluralista.
  • Per un'utopia concreta, realizzazione e presentazione pubblica di un documento sulla partecipazione e sugli istituti di democrazia, consegnato ai presidenti e consiglieri di Quartiere del Comune di Bologna, ai sindaci, agli assessori e ai consiglieri del Comune di Bologna e dei Comuni della provincia, ai consiglieri della Provincia di Bologna e della Regione Emilia Romagna.

Eventi

  • Paci-notti d'estate quattro rassegne estive promosse con la Coop, Macchine Celibi, Mattlycoop e Bottega Bologna GLF (Giovanni Lindo Ferretti), in collaborazione con il centro Progetta il tuo spazio Crescenzi – Pacinotti, nell'ambito della rassegna “Viva Bologna”, con musica, concerti, proiezione di film, mostre fotografiche, incontri sull'arte contemporanea con critici d'arte e docenti dell'Università di Bologna che hanno presentato opere di giovani artisti.
  • Promozione con “Spazio Arte” neiCentri Progetta il tuo spazio, di mostre pittoriche e fotografiche di artisti bolognesi e non, con periodicità mensile. Attività culturali e momenti di socializzazione rivolti prevalentemente ai giovani e all'interazione multietnica nei campi artistico e di comunicazione sociale. Apertura delle sale prova musicali e delle sale di registrazione a centinaia di gruppi musicali. Utilizzo degli spazi e della strumentazione per attività di ripresa e montaggio per la realizzazione di materiale audio e audiovisivo in collaborazione con centinaia di associazioni. Nei Centri “Progetta il tuo spazio” di Via dello Scalo 21/3 e Via Pier De’ Crescenzi 14 si sono svolti 2648 eventi (incontri, prove musicali, teatrali e di ballo, mostre d'arte, appuntamenti di poesie e di meditazione, feste) riportati nel sitowww.nuovamente.org.
  • Con "Bologna cello project", gruppo di musicisti del conservatorio, a prevalenza di violoncello, si sono sperimentate pratiche sia nel campo della musica classica che in quella moderna; si sono prodotte incisioni musicali e audiovisivi presso il centro multimediale “Progetta il tuo Spazio” di via Pier De' Crescenzi 14, a Bologna, gestito direttamente dalla nostra associazione.
  • Con "Segni & sensi", associazione che opera nella danza, nella musica e nel teatro, abbiamo collaborato alla realizzazione di una rassegna teatrale svolta per rappresentazioni in spazi pubblici bolognesi; abbiamo organizzato laboratori teatrali per lo studio di percorsi recitativi e di messa in scena.
  • Con gli Origamisti bolognesi sono stati sviluppati incontri in cui si è trattato della storia degli origami, si sono svolti corsi di avviamento all’esperienza con l’apprendimento sia degli elementi matematici e geometrici di base per poter produrre gli oggetti di carta. I migliori lavori sono stati esposti nella sala e sulla terrazza del centro “Progetta il tuo Spazio”, gestito dalla nostra associazione.
  • Format/live – Il talk show sulla Bolognesità, talk show copromosso da Nuovamente realizzato in più riprese al Teatro del Navile, al Circolo ‘‘C. Pavese” e alla Casa della conoscenza del Comune di Casalecchio di Reno, condotto da Stefano Cavedoni con la partecipazione di scrittori, musicisti, artisti, figure istituzionali, professori universitari, associazioni, commercianti, band musicali. Alcune puntate dello spettacolo sono state trasmesse su Ètv- Rete 7, sul canale 891 di Sky tv e sul canale 47 del digitale terrestre.
  • Con "Danza urbana" sono state preparate coreografie sperimentali, poi disseminate nella città, vie, piazze e parchi, con l'obiettivo di raggiungere gli estranei all'ambiente della danza.
  • Adesione a Mappacorto, festival cinematografico con  CrossOverArts nato dall'esigenza di valorizzare il lavoro dei giovani cineasti che presentano i loro cortometraggi nei diversi festival internazionali: hanno aderito il Milano Film Festival, il Circuito Off – Venice International Short Film Festival e l'Alternativa Indipendent Film Festival de Barcelona.
  • Con "Lagage teatro", si sono sviluppati laboratori per la creazione di spettacoli, fondati sulla esplorazione delle possibilità espressive individuali e si è cercato di realizzare una fusione tra il ruolo d'attore e quello d'autore dello spettacolo.
  • Sostegno, con CGIL, CISL, UIL, DS Bologna e Coop Adriatica, alla Giornata di solidarietà con il popolo kurdo in occasione della festa nazionale del Newroz organizzata dall’Associazione Bologna-Kurdistan e dalla comunità kurda.
  • Tre rassegne Està…Porto, con musica, spettacoli, proiezioni e incontri ai giardini Francesco Lorusso con la partecipazione di scrittori, musicisti e attori.
  • Il Porto della memoria, rassegna di spettacoli di musica e teatro, organizzati con il Quartiere Porto e Società per Azioni.
  • La seta e le acque, sulla Bologna del ‘600, quando la città aveva un porto fluviale sul canale del Navile
  • Quando le acque fecero resistenza: 1944…di Porta Lame e altre storie…, una rievocazione della battaglia di Porta Lame, durante la Resistenza, e come le acque dei tanti canali bolognesi, interrati e non, abbiano contributo alla lotta partigiana. Narrazione di episodi con la partecipazione del presidente dell’Anpi di Bologna.
  • Con il "Teatro Reon", abbiamo lavorato ad un’idea di teatro come esperienza estetica e umana autentica, in quanto linguaggio nuovo e arcaico al tempo stesso.
  • La Baia dei Porci, rassegna artistica estiva realizzata in collaborazione con l’Associazione Farm e i Centri “Progetta il tuo Spazio”, con mostre pittoriche e fotografiche, videoinstallazioni, concerti di musiche multietniche, indipendenti e sperimentali, reading, performance teatrali, cene etniche e altre iniziative.
  • Abbiamo realizzato “Sulla Terrazza si Respira”, incrociando dialoghi e storie come nel film di Ettore Scola. Sulla Terrazza abbiamo raccolto proposte e iniziative della città, abbiamo alimentato desideri e suggestioni, abbiamo sviluppato esperienze estive per raccontare storie che appartengono alla vita delle persone.
  • Con gli InUTILI, un gruppo di 30 artisti, abbiamo promosso, sulla Terrazza, appuntamenti culturali e artistici.
  • Con la casa editrice “La Linea”, nuovo marchio editoriale bolognese particolarmente interessato all'approfondimento di temi legati al disagio, sono stati promossi percorsi culturali e di intrattenimento, con   letture e recite di alcuni passi tratti dai libri editi dalla casa editrice stessa.
  • Con Gomma Bicromata, galleria delle arti di Porretta Terme (BO), abbiamo collaborato all'iniziativa, in occasione del 150° anniversario dell'unità di Italia, “Dalla valle del Samoggia all'alta valle del Reno 'I moti di Sevigno' 1843” e alla rassegna “Quando l'arte va alla montagna...” 10 artisti per il territorio. Sono stati promossi una serie di appuntamenti cinematografici, sulla direzione del tradizionale “Porretta Cinema” festival.
  • Si è promossa “Terrazza&Balloons”, esposizione di tavole di fumetti e disegni nello stile 'manga' realizzata da artisti emergenti di Bologna e Provincia.
  • Con l'associazione culturale “La Barberìa”, si è collaborato alla realizzazione di due incontri, in cui sono state presentate produzioni cinematografiche, aventi come soggetto le culture migranti, prodotte nel concorso “Bastimento-film festival sulle culture migranti”.

I testi della collana “I Quaderni” di Nuovamente

  • Persone e progetti per la città, raccolta dei contributi che espongono gli obiettivi dell’associazione, che si propone come un laboratorio di linguaggio e pensiero democratico, un luogo di ricerca e progettazione per la qualità della convivenza civica.
  • Paesi di donne. Scritti al femminile, raccolta di scritti di donne, dalle mura domestiche alle strade della città, che attraversano i temi della violenza, della sicurezza e delle relazioni personali.
  • Contro il nemico invisibile. Comitati, inquinamento e salute a Bologna, l’esperienza dei comitati antismog bolognesi in difesa della qualità dell’ambiente urbano.
  • Fuori da soli…dove? Adolescenti, progetti e spazi, un percorso di sei mesi con cento giovani adolescenti.
  • Fermoguerra. Da Oriente a Occidente in ogni punto è divisione, raccolta di pensieri e citazioni di Bruno Giorgini, scritti contro la guerra e la militarizzazione della società civile.
  • Per la tutela del verde urbano. Gestione, cura e progettazione, gli interventi del Forum sul verde pubblico e la partecipazione e la raccolta dei percorsi di 100 comitati di cittadini e associazioni che gestiscono, tutelano e promuovono il verde pubblico a Bologna.
  • Progetta il tuo spazio. Giovani, bioarchitettura e integrazione, con i giovani progettisti nel realizzare spazi dedicati a loro, nella prospettiva della bioarchitettura e dell’integrazione sociale.
  • Dei diritti e delle pene. I garanti delle libertà, riflessione sul diritto e sulla pena, sul sistema penitenziario in Italia e a Bologna, ma soprattutto sulla nuova figura del Garante dei diritti delle persone private della libertà personale.
  • I diritti e la povertà. L’esperienza di Avvocato di Strada racconta i primi anni di vita di Avvocato di Strada, progetto promosso dell'Associazione “Amici di Piazza Grande” insieme a Nuovamente, che ha fornito a persone senza fissa dimora tutela giuridica qualificata e gratuita.
  • Partecipazione, progettazione, gestione. Una esperienza sulle aree verdi della città raccoglie l'esperienza di progettazione partecipata di riqualificazione con 1200 cittadine e cittadini, realizzata da Nuovamente con il SIC – Consorzio di Iniziative Sociali - nell'area del parco Agucchi-Bertalia nel Quartiere Navile.
  • I diritti dei minori. Avvocato di strada e la tutela legale delle persone senza dimora, testimonianze che raccontano di vicende relative a minori che vivono in situazioni di forte disagio sociale.
  • Comunità, cittadinanza, integrazione e comunicazione. Per i giovani, dai giovani con le produzioni migliori – storyboards, scritti e racconti – degli studenti intorno ai temi in oggetto e con i dati relativi all’indagine fatta attraverso 10.018 questionari raccolti dall’Associazione in tutte le scuole superiori di Bologna e Provincia. Al libro è allegato un DVD.
  • Le Parole dei Luoghi. Bologna ’77, la prima parte dà voce a 300 persone che hanno vissuto e vivono oggi le strade e le piazze che furono i luoghi del movimento del ’77. La seconda parte presenta i contributi di molti protagonisti del Settantasette, che forniscono una visione della storia e dei contenuti di quel movimento: il femminismo, la questione tecnico-scientifica, l’istruzione, l’abitare e il vissuto nelle case, i rapporti sociali, la crisi della rappresentanza partitica, le esperienze musicali, le prime radio libere, Radio Alice…

Altre pubblicazioni:

  • Dove andare per… Un aiuto concreto per le persone senza fissa dimora, promosso dall'associazione “Amici di Piazza Grande”, Nuovamente, Provincia di Bologna, una guida di rapida e facile consultazione per la risoluzione dei problemi quotidiani che deve affrontare chi arriva in città, non ha dimora e deve risolvere le proprie necessità e le emergenze della vita quotidiana.
  • Le periferie al centro. Progetto di ricerca sulla mobilità ciclabile, edito nella Casa Circondariale “Dozza” in seguito ad un progetto del Centro dei Servizi per il Volontariato della Provincia di Bologna insieme con Legambiente Bologna, Nuovamente, Enaip Emilia Romagna e Associazione Piazza Grande Onlus, in collaborazione con il Consorzio di Iniziative Sociali.
  • DVD Misure Alternative indirizzato a detenuti ed ex detenuti, con un documentario sul difficile rapporto tra il mondo del lavoro e chi si prepara ad uscire o è già uscito dalla reclusione, nuovi profili professionali, modalità di richiesta di lavoro, sedi dei servizi al lavoro e con una parte formativa su come si scrive un curriculum, simulazioni di colloqui di lavoro, ecc, tradotto nelle lingue più diffuse tra la popolazione carceraria – l’inglese, l’arabo e il romeno.
  • DVD Prosementi: tre prodotti della terra sulla storia della “Società Produttori Sementi” di Bologna e sulle coltivazioni alternative, che ha coinvolto in tutte le fasi, a partire dalla sceneggiatura, studenti delle scuole medie superiori.
  • DVD Cittadinanza è armonia, che ha coinvolto bambini delle scuole medie elementari di diverse etnie nella realizzazione di uno spot sui temi dell’integrazione e della cittadinanza.
  • DVD Integrazione e comunicazione, raccoglie le storie, le paure e le speranze attraverso interviste e scritti di ragazzi stranieri che frequentano le scuole medie superiori.
  • DVD Donne. Più forti della paura, finalista attualmente del concorso Action For Woman su You Tube.